Energia elettrica e gas: il valore giuridico della dicitura «pagamenti precedenti regolari»

Interessante sentenza del Tribunale di Napoli Nord (n. 1720/2017) in materia di fornitura di energia elettica e gas.

 

 tribunale aversa

Chiedi una  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  

Il caso. Una nota società energetica notificava ad nostro cliente un decreto ingiuntivo in quanto - affermava - quest'ultimo non sarebbe stato in regola con il pagamento di quanto dovuto per la fornitura di energia elettrica e gas naturale, accumulando una morosità di € 8.913,37. Provvedevamo dunque ad opporci al decreto ingiuntivo per conto del cliente, facendo rilevare che la fornitura era cessata da diverso tempo, in quanto questi si era rivolto ad un'altra società, senza che la società di distribuzione bloccasse la somministrazione, come previsto dalla normativa di settore in caso di morosità. Inoltre, rappresentavamo al tribunale che, poco prima della migrazione, la società di distribuzione aveva sostituito il misuratore di energia senza che il nostro cliente fosse chiamato ad assistere alle operazioni. Il cliente, pertanto, non riconosceva i dati relativi alle misurazioni successive. Osservavamo poi che, in ogni caso, spettava alla società energetica provare di aver effettuato la fornitura e il conseguente credito (che peraltro appariva evidentemente sproporzionato per un'utenza domestica), facendo rilevare che, tra l'altro, nell'ultima fattura inviata nel corso del rapporto, vi era la dicitura «i precedenti pagamenti risultano regolari».

La decisione. Il Tribunale di Napoli Nord, con sentenza n. 1720/2017 accoglieva la nostra opposizione. Premettendo che nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo spetta sempre al creditore la prova del suo diritto, dava rilievo al fatto che il debitore aveva prodotto la suddetta fattura in cui era precisato che nulla era dovuto. Di conseguenza, il decreto ingiuntivo veniva revocato e la società energetica condannata al pagamento delle spese di giudizio.

Avv. Anna Gabriele                                                                         Avv. Vincenzo Orefice

Chiedi una  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.